Oscar W - La vita del genio irlandese attraverso la sua opera

Data d'inizio: 
28/02/2015 - 21:00 - 23:00

“Nessun grande artista vede mai le cose come sono veramente.
Se lo facesse, smetterebbe di essere un artista.”

Oscar Wilde

Sabato 28 febbraio alle ore 21.00 presso il Teatro comunale di Forano andrà in scena lo spettacolo Oscar W. a cura del gruppo teatrale Virgolatreperiodico, quarto appuntamento della rassegna Ricomincio da “T” - la stagione Teatrale della Bassa Sabina, organizzata dall'associazione OPUS in fabula in collaborazione con ARTEr.i.e. - Rassegna di Ipotesi Espressive, ForanoinMusica e sotto il patrocinio dell'Amministrazione comunale.

Oscar W. - La vita del genio irlandese attraverso la sua opera
IV appuntamento di Ricomincio da “T” - la stagione Teatrale della Bassa Sabina
Teatro Comunale di Forano (Ri) 28 febbraio ore 21.00

Partire da Wilde per mettere in scena Wilde, il tutto nelle mani di una sola attrice che, in un susseguirsi di scambi tra persona e personaggio, dà vita ad una scena spesso fatta di ribaltamenti e trasformazioni, dove anche il tempo e lo spazio non seguono necessariamente le regole della logica, affidandosi piuttosto al fascino dell'immaginazione e del gioco teatrale.

La vita di Oscar Wilde è stata una parabola incredibile che lo ha visto in un primo tempo indossare gli eleganti panni del conferenziere e dello scrittore di successo e poi gli stracci infamanti e vergognosi del condannato in carcere.

Attraverso l'intreccio e la sovrapposizione di storie, parole e personaggi appartenenti tanto alle opere quanto agli episodi più significativi della sua biografia, la piéce accompagna lo spettatore all'interno della galleria di temi e figure presenti nella produzione artistica dell'autore, delineando al contempo la sua traiettoria esistenziale, dai momenti di esaltazione e di fama a quelli più tragici e bui.

Il rapporto diretto con il pubblico della sala dà modo di illuminare Wilde nella sua veste più brillante, quella di raffinato affabulatore e uomo di mondo, personaggio indistinguibile dai molti che abitano le sue commedie, come L'importanza di chiamarsi Ernesto o Un marito ideale.

L'ossessiva ricerca di nuovi piaceri che spinge il giovane protagonista de Il ritratto di Dorian Gray verso una rovinosa discesa negli abissi viene fatta specchiare con le pericolose acrobazie sentimentali di Oscar, troppo volutamente scandalose per non scatenare la reazione della moralista società vittoriana. Si assiste allora al primo processo, spettacolare e irriverente, in cui è Wilde a denunciare e ad accusare; e al secondo, assurdo e impietoso, in cui, in un tragico ribaltamento di ruoli identico a quelli che incontriamo nelle sue opere, egli si ritrova vittima dell'azione da lui stesso intrapresa, finendo per essere condannato ai lavori forzati per due anni.

Spettacolo adatto ad un pubblico adulto

drammaturgia
Andrea Onori e Mariagrazia Torbidoni
con
Mariagrazia Torbidoni
scenografia e disegno luci
Valeria Giannone
regia
Andrea Onori

Virgolatreperiodico
Virgolatreperiodico nasce nel 2012 ad opera di Andrea Onori e Mariagrazia Torbidoni come sviluppo di una collaborazione artistica attiva già da diversi anni.
Da sempre affascinati dalla raffinatezza artistica e dalla genialità di Oscar Wilde, lavorano
in seguito all'allestimento di uno spettacolo ispirato alla sua figura a cui danno il titolo Oscar W.
Lo spettacolo, facente parte di un più ampio progetto formativo volto a stimolare l'interesse del pubblico verso le opere e la biografia di questo autore, viene presentato prima come studio in diversi concorsi e rassegne teatrali e poi nella stagione 2013/14 debutta in forma completa, anche in matinée per le scuole superiori, all'interno del Progetto indipendente autofinanziato di formazione e spettacolo dal vivo organizzato dalla Casa delle Culture di Roma.

LINK UTILI: 
- Guarda tutti gli spettacoli in rassegna
- Guarda il video dello spettacolo
- Diventa Fan di VirgolaTrePeriodico
- Leggi la recensioni dello spettacolo su La Nouvelle Vague
- Leggi la recensione dello spettacolo su Gufetto.it
Leggi la recensione dello spettacolo su Slowcult.com